martedì 1 agosto 2017

La giovinezza - Maria Luisa Spaziani


Buon pomeriggio cari lettori di Frasiandu,
Vi auguriamo una buona lettura.




Nei miei vent'anni non ero felice
e non vorrei che il tempo s'invertisse.
Un salice d'argento mi consolava a volte,
a volte ci riusciva con presagi e promesse.

Nessuno dice mai quant'è difficile
la giovinezza. Giunti in cima al cammino
teneramente la guardiamo. In due,
forse la prima volta.

di
Maria Luisa Spaziani.


Grazie sempre per la vostra attenzione,Staff Frasiandu.

lunedì 17 luglio 2017

Le parole oggi non bastano - Maria Luisa Spaziani.


Buonasera cari lettori di Frasiandu,
Iniziamo la settimana con un nuovo autore.
Maria Luisa Spaziani è stata una poetessa, traduttrice e aforista italiana .
Figura ispiratrice della poesia montaliana Autrice di teatro, scrittrice di aforismi, prose d’invenzione e racconti (Aforismi, Donne in poesia, La freccia).
Buona lettura e buon proseguimento.


Non chiedermi parole oggi non bastano.
Stanno nei dizionari: sia pure imprevedibili
nei loro incastri, sono consunte voci.
È sempre un prevedibile dejà vu.
Vorrei parlare con te - è lo stesso con Dio -
tramite segni umbratili di nervi,
elettrici messaggi che la psiche
trae dal cuore dell'universo.

Un fremere d'antenne, un disegno di danza,
un infinitesimo battere di ciglia,
la musica-ultrasuono che nemmeno
immaginava Bach.

di 
Maria Luisa Spaziani.


Grazie sempre per la vostra attenzione, Staff Frasiandu.

lunedì 3 luglio 2017

la sera - Giovanni Pascoli

Buonasera cari lettori di Frasiandu,
Questa sera vogliamo dedicare un post a tutti i ragazzi che stanno affrontando la maturità.
Questo è un step importante della vita, dove vi metterà alla prova e vi farà imboccare diverse strade e solo voi dovrete capire quale  strada sia giusta per il vostro futuro sia professionale che personale.
Buona fortuna a voi cari giovani lettori e buona lettura.



Il giorno fu pieno di lampi;
ma ora verranno le stelle,
le tacite stelle. Nei campi
c’è un breve gre gre di ranelle.
Le tremule foglie dei pioppi
trascorre una gioia leggiera.
Nel giorno, che lampi! che scoppi!
Che pace, la sera!
Si devono aprire le stelle
nel cielo sì tenero e vivo.
Là, presso le allegre ranelle,
singhiozza monotono un rivo.
Di tutto quel cupo tumulto,
di tutta quell’aspra bufera,
non resta che un dolce singulto
nell’umida sera.
È, quella infinita tempesta,
finita in un rivo canoro.
Dei fulmini fragili restano
cirri di porpora e d’oro.
O stanco dolore, riposa!
La nube nel giorno più nera
fu quella che vedo più rosa
nell’ultima sera.
Che voli di rondini intorno!
che gridi nell’aria serena!
La fame del povero giorno
prolunga la garrula cena.
La parte, sì piccola, i nidi
nel giorno non l’ebbero intera.
Nè io… e che voli, che gridi,
mia limpida sera!
Don… Don… E mi dicono, Dormi!
mi cantano, Dormi! sussurrano,
Dormi! bisbigliano, Dormi!
là, voci di tenebra azzurra…
Mi sembrano canti di culla,
che fanno ch’io torni com’era…
sentivo mia madre… poi nulla…
sul far della sera.


Grazie sempre per la vostra attenzione, Staff Frasiandu.

martedì 13 giugno 2017

Nell'imminenza dei quarant'anni - Mario Luzi


Buonasera cari lettori di Frasiandu,
Questa sera è una bella serata in cui immergere i nostri pensieri nella lettura...


Il pensiero m'insegue in questo borgo
cupo ove corre un vento d'altipiano
e il tuffo del rondone taglia il filo
sottile in lontananza dei monti.

Sono tra poco quarant'anni d'ansia,
d'uggia, d'ilarità improvvise, rapide
com'è rapida a marzo la ventata
che sparge luce e pioggia, son gli indugi,
lo strappo a mani tese dai miei cari,
dai miei luoghi, abitudini di anni
rotte a un tratto che devo ora comprendere.
L'albero di dolore scuote i rami...

Si sollevano gli anni alle mie spalle
a sciami. Non fu vano, è questa l'opera
che si compie ciascuno e tutti insieme
i vivi i morti, penetrare il mondo
opaco lungo vie chiare e cunicoli
fitti d'incontri effimeri e di perdite
o d'amore in amore o in uno solo
di padre in figlio fino a che sia limpido.

E detto questo posso incamminarmi
spedito tra l'eterna compresenza
del tutto nella vita nella morte,
sparire nella polvere o nel fuoco
se il fuoco oltre la fiamma dura ancora.


di
Mario Luzi.


Grazie sempre per la vostra attenzione,Staff Frasiandu.


venerdì 26 maggio 2017

Vola alta parola - Mario Luzi


Buon pomeriggio cari lettori di Frasiandu,
La scuola sta per giungere al termine,
alcuni si preparano agli esami e
 altri lavorano tutto il giorno.
Non si trova mai tempo per rilassarsi un po' ,
 ma tranquilli il week end e l'estate sono alle porte. 
Noi vi terremo sempre compagnia con emozionanti poesie e opere di famosi autori.
Vi auguriamo una splendida giornata e buona lettura.


Vola alta, parola, cresci in profondità,
tocca nadir e zinith della tua significazione,
giacché talvolta lo puoi 
sogno che la cosa esclami
nel buio della mente
però non separarti
da me, non arrivare,
ti prego, a quel celestiale appuntamento
da sola, senza il caldo di me
o almeno il mio ricordo sii
luce, non disabitata trasparenza...
La cosa e la sua anima? 
O la mia e la sua sofferenza?
Vola alta, parola.

di
 Mario Luzi.

Grazie sempre per la vostra attenzione,Staff Frasiandu.